Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
The reception in the Town Hall over, and with Franz Ferdinand having decided that he wants to visit his wounded adjutant in the hospital, the royal couple emerges from the building.

L’attentato di Sarajevo – 9

Tempo Lettura: 15 min

L’ATTENTATO DI SARAJEVO – L’operazione ha inizio.

LA COSPIRAZIONE È ATTIVA

Nel frattempo, i sei assassini si stavano preparando. Giovedì 25 giugno, Grabez scese a Sarajevo da Pale. Venerdì 26 giugno, Mehmedbasic a Stolac ricevette un telegramma da Ilic, convocandolo per venire nella capitale. Andò immediatamente a Mostar e lì prese un treno per Sarajevo, prenotandosi all’Hotel Sarajevo. Incontrandosi con Ilic, fu presentato a Princip in un bar. Insieme firmarono ed inviarono una cartolina congiunta a Vladimir Gacinovic in Svizzera. Lo stesso giorno, Princip incontrò Cabrinovic, che era stato lasciato al buio dagli altri dal loro ritorno a Sarajevo tre settimane prima, e gli aveva detto che il complotto era programmato per domenica. Sabato, 27 giugno, i due studenti, Cubrilovic e Popovic, si recarono a Membasa, una zona tranquilla del fiume Miljacka, alla periferia della città, e lì incontrarono Ilic. Diede a ciascuno una pistola e una bomba, spiegandone l’uso. Per dimostrare la pistola, sparò un colpo nel tunnel ferroviario sul ponte Kozija. Inoltre disse loro che il tentativo sarebbe stato fatto nei pressi del lungofiume Appel e avrebbe dato loro istruzioni su dove prendere posizione. I ragazzi presero in consegna le loro armi a casa. Quella sera, Cubrilovic incontrò due suoi amici, Marko Perin e Dragan Kalember, passeggiando per le strade. Mentre mangiava il gelato sul mercato turco, disse loro che stava portando una pistola e una bomba, mostrando persino il manico della pistola infilata nella sua cintura. Scettici prima, i suoi amici ora sospettavano che potesse esserci del vero nel suo precedente vantarsi. Quella stessa sera, Ilic incontrò Mehmedbasic al Mostar Café e, mentre lo accompagnava nella sua stanza nell’Hotel Sarajevo, gli porse una bomba insieme ad alcune istruzioni su come usarla. Quella stessa sera, Princip incontrò Cabrinovic e lo portò presso il lungofiume, indicando dove voleva che si trovasse, di fronte alla Banca austro-ungarica. Princip trascorse l’ultima sera presso l’enoteca Semiz, bevendo vino e cantando canzoni serbe con gli amici. Il negozio era dietro l’angolo del Ponte Latino, dove Princip stesso avrebbe preso posizione il mattino seguente. Quella sera era passato al cimitero ortodosso di San Marco e aveva messo dei fiori sulla tomba di Bogdan Zerajic, il martire dei “Giovani Bosniaci”, che considerava il suo eroe ispiratore.

DOMENICA, 28 GIUGNO

Domenica, 28 giugno 1914 — il giorno programmato per la visita ufficiale a Sarajevo della coppia reale. Alle 9.50 scendono dal treno speciale da Ilidza fino alla Stazione di Sarajevo. Sulla destra, il generale Oskar Potiorek, il Governatore austriaco della Bosnia-Erzegovina
Domenica, 28 giugno 1914 — il giorno programmato per la visita ufficiale a Sarajevo della coppia reale. Alle 9.50 scendono dal treno speciale da Ilidza fino alla Stazione di Sarajevo. Sulla destra, il generale Oskar Potiorek, il Governatore austriaco della Bosnia-Erzegovina

Domenica 28 giugno – San Vitoil giorno albeggia luminoso e soleggiato. Di buon mattino, i sei cospiratori lasciareono le loro posizioni nel lungofiume Appel. Sebbene Ilic e Princip avessero precedentemente assegnato a ciascun uomo un luogo in cui stare, questa era stata solo un’istruzione approssimativa, lasciando gli assassini liberi di scegliere il punto esatto del giorno stesso. Lasciando presto a casa i suoi genitori, Cabrinovic si diresse verso la libreria Basagic, un luogo dove gli studenti amavano andare a leggere i giornali. Mentre era lì, incontrò Grabez (che era stato in città per tre giorni) e gli disse che il gruppo doveva incontrarsi nella pasticceria di Vlajnic in Via Cumurija, dietro l’angolo del lungofiume Appel alle 8 del mattino. Ilic fu il primo ad arrivare al rendez-vous, seguito a breve da Grabez, poi Cabrinovic, poi Princip. Prendendo posto con gli altri nella stanza sul retro del negozio, Princip rapidamente porse a Cabrinovic una bomba e anche del cianuro. Era stato concordato che coloro che non avevano pistole – Cabrinovic e Mehmedbasic – si sarebbero suicidati prendendo del veleno. (Alcuni storici ritengono che il cianuro sia già stato fornito da Ciganovic a Belgrado, ma questo non è dimostrato. Probabilmente venne invece fornito da Dragan Kalember, il giovane compagno di scuola di Cubrilovic, che lavorava in una farmacia. Gli storici non sono ancora d’accordo sul fatto che il veleno fosse in capsule di vetro o in forma di polvere). Lasciando la pasticceria, Cabrinovic passeggiò fino alla banchina del lungofiume dove si imbattè in un amico, Tomo Vucinovic.

The royal motorcade’s first stop was to inspect Austrian troops at the Filipoviceva Kasarna, Sarajevo’s modern military barracks built by the Habsburgs in the 1890s just down the road from the station. The Archduke’s Gräf & Stift open tourer was pictured as it left the barracks shortly thereafter. Franz Ferdinand and Sophie are in the back seats, with Governor Potiorek and Oberstleutnant Franz Count von Harrach, the owner of the car, in front of them. At the wheel is chauffeur Leopold Lojka, and sitting beside him is Gustav Schneiberg, the Hofkammerbüchsenspanner (Court Armourer), a member of the Archduke’s hunting staff. Note the Archduke’s pennant flying from the car.
The royal motorcade’s first stop
was to inspect Austrian troops at the
Filipoviceva Kasarna, Sarajevo’s modern
military barracks built by the Habsburgs in
the 1890s just down the road from the
station. The Archduke’s Gräf & Stift open
tourer was pictured as it left the barracks
shortly thereafter. Franz Ferdinand and
Sophie are in the back seats, with Governor
Potiorek and Oberstleutnant Franz
Count von Harrach, the owner of the car,
in front of them. At the wheel is chauffeur
Leopold Lojka, and sitting beside him is
Gustav Schneiberg, the Hofkammerbüchsenspanner
(Court Armourer), a member
of the Archduke’s hunting staff. Note the
Archduke’s pennant flying from the car.

Forse perché si rese conto che stava per compiere un atto storico, e uno che non sarebbe sopravvissuto, decise di farsi fotografare, così i due andarono allo studio fotografico di Josef Schrei in Piazza Cirkus e posarono per il fotografo. Cabrinovic ordinò sei stampe e, dicendo al suo amico che stava partendo per Zagabria, gli chiese di darne una a sua nonna, una a sua sorella e mandarne una ciascuna ad amici a Belgrado, Trieste e Zagabria. Prese le stampe verso le 10 e le diede a Vucinovic, poi si congedò da lui. Ritornando al lungofiume Appel, camminò a lungo, riflettendo su dove avrebbe preso posizione. Alla fine scelse un posto praticamente di fronte al Mostar Café e poco meno del Cumurija-Brücke (Ponte Cumurija), sul marciapiede accanto al fiume, sul lato soleggiato della strada, vicino a un lampione (di cui aveva bisogno per innescare la sua bomba ) e in un punto in cui c’erano pochi altri spettatori (per non uccidere o ferire passanti innocenti). Nel frattempo, tornando alla pasticceria, Ilic aveva portato Grabez a casa di sua madre in via Oprkanj e gli aveva dato una pistola e una bomba. Grabez quindi partì per il lungofiume sperando di trovare Princip perché intendeva lanciare la sua bomba per creare un diversivo in modo che Princip potesse sparare con la sua pistola all’arciduca nel caos che ne sarebbe scaturito.

Tuttavia, non riuscì a trovare il suo amico così, passeggiando su e giù per la banchina, decise di prendere posizione nell’angolo nord-occidentale del Kaiser-Brücke (Ponte dell’Imperatore), due ponti a poca distanza dal municipio. Mentre ragionava, questo gli avrebbe dato due possibilità, perché il ponte era la svolta più probabile per Konak, la residenza del governatore Potiorek, dove sapeva che l’Arciduca avrebbe pranzato dopo il suo ricevimento al municipio.

I sei assassini erano in attesa sulla linea del lungo fiume , il viale principale lungo il fiume Miljacka [1] Muhamed Mehmedbasic. [2] Vaso Cubrilovic. [3] Nedeljko Cabrinovic. [4] Cvjetko Popovic. [5] Gavrilo Princip. [6] Trifun Grabez. Danilo Ilic, il capo dell'organizzazione si trova vicino a Popovic.
I sei assassini erano in attesa sulla linea del lungo fiume , il viale principale lungo il fiume Miljacka [1] Muhamed Mehmedbasic. [2] Vaso Cubrilovic. [3] Nedeljko Cabrinovic. [4] Cvjetko Popovic. [5] Gavrilo Princip. [6] Trifun Grabez. Danilo Ilic, il capo dell’organizzazione si trova vicino a Popovic.

Il luogo scelto aveva anche un significato storico speciale per Grabez: era qui che Bogdan Zerajic si era suicidato quattro anni prima, dopo il fallito tentativo di assassinare il predecessore di Potiorek, il generale Varesanin. Dopo aver lasciato il suo alloggio a casa di Ilic poco prima delle 8 con una pistola e due bombe, e dopo aver passato una delle bombe a Cabrinovic nella pasticceria, Princip uscì, cercando deliberatamente compagnia per non destare sospetti. Con due amici si diresse verso il parco cittadino, impegnandosi in chiacchiere, finché non fu giunto il momento di andare al lungofiume per prendere la sua posizione assegnata: accanto al Lateiner Brücke (Ponte Latino), sul lato soleggiato della strada . Questo pose Princip a metà strada tra Cabrinovic al ponte Cumurija e Grabez al ponte dell’Imperatore. Il secondo trio di assassini arrivò sul lungofiume indipendentemente dall’altro. Presero le loro posizioni senza vedere i loro colleghi cospiratori e senza sapere dove avevano scelto di stare. Mehmedbasic aveva avuto un breve incontro con Princip due giorni prima ma non conosceva nessuno degli altri quattro; Cubrilovic e Popovic conoscevano solo il reciproco coinvolgimento. Ilic aveva assegnato a Mehmedbasic un posto di fronte al giardino del caffè Mostar, sul lato della città. Questo fece di lui il primo nella lunga serie di assassini lungo la strada. Cubrilovic e Popovic presero posizioni sullo stesso lato della strada come Mehmedbasic, poche decine di metri più avanti e relativamente vicini l’uno all’altro.

As the Archduke’s car passed Cabrinovic, he armed his bomb and threw it at the vehicle, but without allowing for the delay in the device’s 12-second fuze. The bomb bounced off the Archduke’s car and exploded instead under the next vehicle, wounding its occupants and some 20 spectators lining the route. The royal couple themselves were unhurt. This is the exact spot, photographed shortly after the wrecked car had been removed
As the Archduke’s car passed Cabrinovic,
he armed his bomb and threw it at
the vehicle, but without allowing for the
delay in the device’s 12-second fuze. The
bomb bounced off the Archduke’s car and
exploded instead under the next vehicle,
wounding its occupants and some 20
spectators lining the route. The royal
couple themselves were unhurt. This is
the exact spot, photographed shortly after
the wrecked car had been removed

Erano entrambi a poca distanza dall’incrocio con Via Cumurija, dall’altra parte della strada rispetto al ponte Cumurija. Cubrilovic si trovava di fronte alla casa di Danilo Dimovic (una scelta ironica poiché era il capo dei disprezzati collaboratori serbi nel parlamento dei burattini Sabor). Popovic era un po’ più in basso, all’angolo con Via Cumurija, al di fuori della casa residenziale della Scuola Magistrale. Non lo sapevano, ma tutti e tre erano in realtà nelle immediate vicinanze di Cabrinovic, che era praticamente dall’altra parte della strada rispetto a loro. Sebbene Ilic, l’organizzatore della trama, avesse deciso di non prendere parte al tentativo in prima persona, non si era ancora allontanato. Poiché era l’unico a conoscere tutti e sei gli assassini, scelse invece di camminare su e giù per il lungofiume da uno all’altro, controllando le loro posizioni e dando loro l’ultimo incoraggiamento. Quando il corteo dell’Arciduca passò, si trovava all’angolo di Via Cumurija, vicino a Popovic. C’era una folla poco numerosa lungo il percorso, in piedi principalmente lungo il lato della banchina della città, dove c’era più ombra per ripararsi dal caldo sole mattutino. Alle 9.25 l’Arciduca e la Duchessa con il loro seguito, salirono a bordo di un treno speciale a Ilidza per il breve viaggio fino a Sarajevo. Alle 9.50 il governatore Potiorek li incontrò alla stazione di Sarajevo. Sette automobili stavano aspettando. Per errore, tre agenti della polizia locale entrarono nella prima macchina con l’ufficiale capo degli agenti speciali di sicurezza privati ​​dell’Arciduca; le altre guardie di sicurezza, che avrebbero dovuto accompagnare il loro capo, rimasero indietro. La seconda macchina portava il sindaco di Sarajevo, Fehem Effendi Curcic, e il capo della polizia, il dott. Gerde. Francesco Ferdinando e Sophie salirono a bordo della terza auto, una macchina da turismo a sei posti aperta Gräf & Stift, con il piano piegato verso il basso. Con loro nel veicolo, seduti di fronte a loro, sedevano il governatore Potiorek e l’Oberstleutnant Franz Count von Harrach, un ufficiale di trasporto dell’esercito austriaco, che era il proprietario dell’auto. Davanti c’erano l’autista Leopold Lojka e l’armatore della corte Gustav Schneiberg, un membro del personale di caccia dell’Arciduca. Le altre quattro macchine trasportavano ufficiali dello staff del governatore, vari aiutanti dell’Arciduca e alcuni altri notabili. Poco prima delle 10 la carovana iniziò il suo percorso. Le misure di sicurezza lungo il percorso erano incredibilmente limitate. Nonostante gli avvertimenti del dottor Gerde, non c’era stato rinforzo delle sue forze di polizia e c’erano solo 120 gendarmi della città per proteggere la rotta. Le loro istruzioni erano di girare e affrontare la folla mentre la processione reale passava. La prima tappa del corteo fu una breve ispezione delle truppe presso la Filipoviceva Kasarna, la principale caserma militare di Sarajevo, che si trovava vicino alla stazione lungo il percorso verso la città. Ci vollero solo pochi minuti e poco dopo le 10, la colonna di veicoli lasciò la caserma per il municipio attraverso il lungofiume Appel. Mentre il corteo procedeva lentamente lungo la banchina, un rumore di 24 cannoni sparato dalle fortezze sopra la città risuonò nell’aria, e ci furono alcune grida di “Jivio!” (Lunga vita!) dalla piccola folla che fiancheggiava la strada. Alle 10.10, l’auto di Francesco Ferdinando si avvicinò al tratto in cui i primi assassini stavano aspettando. Mentre superava Mehmedbasic, l’uomo in pole position, per qualche ragione non riuscì ad agire e non gettò la sua bomba. Presumibilmente il più determinato dei sei, sembra che non fosse sicuro su quale veicolo fosse l’arciduca e anche che, proprio mentre il corteo si avvicinava, un poliziotto venne a mettersi dietro di lui, spingendolo a tenere la sua bomba mentre conosceva il L’arciduca sarebbe tornato più avanti lungo la stessa rotta. O forse semplicemente perse il coraggio. Qualche decina di metri più avanti, Cabrinovic sul lato opposto della strada. Aveva chiesto freddamente a un gendarme accanto a lui quale automobile fosse quella dell‘arciduca e l’ignaro poliziotto glielo aveva consigliato. Avendo già svitato la sua bomba, ora la tirò fuori dalla cintura, la colpì contro il lampione per innescarla e la lanciò contro la macchina. L’autista Lojka vide un oggetto volare nell’aria e, istintivamente, premette il pedale dell’acceleratore. L’arciduca vide che arrivava anche lui e cominciò ad alzarsi dal suo posto, come se volesse spazzarlo via con la mano. La bomba colpì la copertura ripiegata dell’auto e rimbalzò sulla strada dietro di loro. Nell’eccitazione del momento, Cabrinovic aveva dimenticato di contare dieci secondi del ritardo di 12 secondi della bomba. La bomba esplose sotto la macchina successiva, mettendo fuori uso quel veicolo e lasciando un piccolo cratere in mezzo alla strada.

A close-up of the same spot shows the small crater left in the roadway by Cabrinovic’s bomb.
A close-up of the same spot shows the
small crater left in the roadway by Cabrinovic’s
bomb.

Subito dopo aver lanciato la sua bomba, Cabrinovic ingoiò il suo cianuro e saltò oltre il muretto che separava la strada dal fiume Miljacka. Il fiume era molto più basso della strada, facendo un volo di oltre quattro metri. Tuttavia, il suo tentativo di suicidio fallì, poiché il veleno gli causò solo del vomito (o il cianuro era stantio e aveva perso il suo potere, o la dose era troppo piccola per essere fatale) e la Miljacka era quasi in secca a causa dell’estate calda e secca. Quattro persone – il gendarme che gli era rimasto accanto, un agente di sicurezza musulmano e due astanti – lo inseguirono mentre giaceva a faccia in giù nell’acqua. Lo trascinarono attraverso il fiume fuori sulla riva opposta, dandogli un pugno mentre cercava di scappare. Quando uno di loro gli chiese “Sei un serbo, non è vero?”, gli replicò: “Sono un eroe serbo”. Mentre veniva condotto alla stazione di polizia, vicino al municipio, fu duramente picchiato dalla folla. Quando la bomba esplose sotto la quarta auto, ci fu un caos immediato e tutti iniziarono a correre.

Immediately after throwing his bomb, Cabrinovic tried to commit suicide by swallowing cyanide and jumping into the river. However, his attempt failed and he was dragged out of the water and arrested. Here he is being escorted to the police station by gendarmes, who had trouble defending him from assaults by the angry crowds.
Immediately after throwing his
bomb, Cabrinovic tried to commit suicide
by swallowing cyanide and jumping
into the river. However, his attempt
failed and he was dragged out of the
water and arrested. Here he is being
escorted to the police station by gendarmes,
who had trouble defending him
from assaults by the angry crowds.

L’auto dell’Arciduca continuò a muoversi finché Francesco Ferdinando non disse all’autista di fermarsi. Ordinò al conte Harrach, che era seduto accanto all’autista, di tornare indietro per vedere se qualcuno fosse stato ferito. Delle persone nella quarta auto, due avevano subito ferite da schegge: l’Oberstleutnant Erich von Merizzi, aiutante di Potiorek, e il conte Oberstleutnant Alexander Boos-Waldeck, uno degli aiutanti dell’Arciduca. Venti astanti erano stati feriti. Il Conte Harrach tornò di corsa alla macchina dell’Arciduca per riferire sulla situazione. Nello stesso momento un ufficiale dello staff dell’Arciduca arrivò correndo per spingerli a trasferirsi al municipio; stando in piedi sulla strada, erano allo scoperto per altri tentativi di omicidio. Il corteo si allontanò rapidamente lasciando l’auto fuori uso alle spalle. Cubrilovic e Popovic, in piedi poco prima di dove si era fermato l’auto dell’Arciduca, e Princip e Grabez ai loro rispettivi ponti, non riuscirono ad agire mentre il corteo li superava ad alta velocità.

Driving on from the bomb attack, the royal motorcade continued on along Appel Quay to reach the Town Hall where dignitaries stood waiting on the steps to greet the royal couple. Then, as the Mayor of Sarajevo, Fehem Effendi Curcic, began his welcoming speech, the irate Archduke, exasperated by the attempt on his life, had to be calmed down by his wife before the Mayor could continue. Right: Designed by architects Karel Parik and Alexander Wittek, the grand building in pseudo-Moorish style was completed in 1896. Known as the Vijecnica, it served as the Town Hall until 1949, when it was handed over to the National and University Library of Bosnia
Driving on from the bomb attack, the royal motorcade
continued on along Appel Quay to reach the Town Hall where
dignitaries stood waiting on the steps to greet the royal couple.
Then, as the Mayor of Sarajevo, Fehem Effendi Curcic,
began his welcoming speech, the irate Archduke, exasperated
by the attempt on his life, had to be calmed down by his wife
before the Mayor could continue. Right: Designed by architects
Karel Parik and Alexander Wittek, the grand building in
pseudo-Moorish style was completed in 1896. Known as the
Vijecnica, it served as the Town Hall until 1949, when it was
handed over to the National and University Library of Bosnia

Arrivato al municipio per l’accoglienza programmata, Francesco Ferdinando mostrò segni evidenti e comprensibili di stress, interrompendo un discorso di benvenuto preparato dal sindaco Curcic per protestare: “Herr Bürgermeister, qual è il bello dei suoi discorsi? Vengo qui per una visita e mi vengono lanciate delle bombe. È scandaloso. »La duchessa Sophie si sporse per sussurrare qualcosa all’orecchio del marito, che deve averlo calmato, perché dopo una pausa disse al sindaco:” Adesso puoi parlare. “Poi si calmò e il sindaco pronunciò il suo discorso . Francesco Ferdinando dovette aspettare mentre il testo del suo discorso, ancora bagnato di sangue dall’essere nell’auto danneggiata, gli fu portato. Leggendo il testo preparato, aggiunse alcune osservazioni sugli eventi del giorno ringraziando la popolazione di Sarajevo per le loro ovazioni “come vedo in esse un’espressione della loro gioia per il fallimento del tentativo di assassinio”. Funzionari e membri della festa dell’Arciduca discussero su cosa fare dopo. La coppia reale avrebbe dovuto aspettare in municipio fino a quando le truppe non fossero riuscite a proteggersi? Dovrebbero procedere con il programma programmato e andare all’inaugurazione di un nuovo museo nel centro della città?

The other vehicles of the royal procession have reached the Town Hall, and adjutants and aides watch as the Archduke reads out his prepared response to the Mayor. The piece of paper on which it was written was bloodstained from the wounds suffered by his adjutant Count Alexander Boos- Waldeck in the bomb-wrecked car.
The other vehicles of the royal
procession have reached the Town Hall,
and adjutants and aides watch as the
Archduke reads out his prepared
response to the Mayor. The piece of
paper on which it was written was
bloodstained from the wounds suffered
by his adjutant Count Alexander Boos-
Waldeck in the bomb-wrecked car.

Dovrebbero abbandonare il programma e procedere direttamente alla residenza del Governatore a Konak o direttamente al loro hotel? Rifiutando tutti questi suggerimenti, Francesco Ferdinando decise che preferiva invece andare all’ospedale e visitare Oberst von Merizzi e il conte Boos-Waldeck, gli uomini del suo seguito, feriti dalla bomba. Chiese a Potiorek se pensava che ci sarebbero stati altri attentati alla sua vita ma il governatore lo rassicurò, dicendo che era possibile ma non molto probabile e avrebbe accettato ogni responsabilità per la sicurezza della coppia reale. Alle 10.45, Francesco Ferdinando e Sophie lasciarono il Municipio e tornarono nella decappottabile aperta.

The reception in the Town Hall over, and with Franz Ferdinand having decided that he wants to visit his wounded adjutant in the hospital, the royal couple emerges from the building.
The reception in the Town Hall over, and with Franz Ferdinand
having decided that he wants to visit his wounded adjutant in
the hospital, the royal couple emerges from the building.

Molto preoccupato che ci potessero essere altri tentativi, il Conte Harrach prese una posizione protettiva sulla pedana di sinistra della macchina, vicino all’Arciduca, rimanendo lì mentre l’auto partiva. Di fronte a loro c’era solo un veicolo, quello con il sindaco e il capo della polizia, il dott. Gerde. Per arrivare all’Ospedale di Sarajevo, il corteo avrebbe potuto rimanere sulla rotta come inizialmente previsto, che doveva proseguire lungo il lungofiume Appel fino al Ponte Latino, quindi girare a destra su Via Franz Josef e attraversare il centro città, passato il museo e fino all’ospedale. Date le circostanze, il generale Potiorek pensò che fosse più sicuro evitare il centro città, così decise che, anziché svoltare a destra in via Franz Josef, la macchina reale doveva proseguire dritto lungo e raggiungere l’ospedale di Sarajevo tramite una rotatoria. Tuttavia, nessuno aveva pensato di informare l’autista, Leopold Lojka, del cambiamento dei piani e del percorso di guida. Mentre le auto sfrecciavano giù per il lungofiume Appel passarono Grabez che ancora stava al Ponte dell’Imperatore, pronto per un secondo tentativo con la sua bomba e la pistola, e sperando che il corteo rallentasse per una svolta a sinistra sul ponte. Tuttavia le macchine gli passarono davanti e lui non fu in grado di agire. Qualche centinaio di metri più avanti c’era il bivio in via Franz Josef. Non conoscendo il cambio di rotta, il pilota Lojka rallentò e girò a destra – un errore fatale. Dopo aver appreso che il primo tentativo non aveva avuto successo, Princip pensò ad una posizione per assassinare l’arciduca nel suo viaggio di ritorno. Decise di spostarsi direttamente dall’altra parte della strada dalla sua posizione al Ponte Latino, all’angolo con via Franz Josef. Qui, nell’angolo nord-est, sorgeva un negozio di enogastronomia, Schiller’s Delicatessen. Mentre aspettava fuori dall’entrata del negozio, un giovane amico bosniaco, Mihajlo Pusara (in realtà era lui quello che aveva spedito il taglio della visita dell’erede a Cabrinovic a Belgrado il marzo precedente), si avvicinò e cominciò a parlargli. Proprio in quel momento, le macchine della processione reale iniziarono a girare per la strada. Il generale Potiorek si accorse subito dell’errore dell’autista e lo chiamò: “Fermati! Stai andando nella direzione sbagliata! Dobbiamo passare per iò lungofiume Appel! »Lojka azionò i freni e l’automobile si fermò, proprio fuori dal negozio di specialità di Schiller, dove si trovava Princip. Princip, incredulo per il colpo di fortuna, reagì istantaneamente. Estrasse la pistola dalla tasca, fece un passo avanti e sparò due colpi da una distanza di circa un metro e mezzo. Aveva appena preso la mira, anche girando la testa mentre sparava. Una pallottola ferì l’Arciduca nella vena giugulare, l’altro colpo di pistola inflisse una ferita addominale alla Duchessa. Princip venne immediatamente sballottato dagli astanti. Prima che potesse girare la pistola su se stesso, uno dei presenti, Ante Velic, lo afferrò. La sua bomba cadde dalla cintura e sul pavimento. I gendarmi cominciarono a colpirlo con le sciabole, come fece il barone Andreas von Morsey, l’aiutante dell’arciduca, che era nella macchina successiva e che era sceso immediatamente. Nella rissa, Princip riuscì a ingoiare il suo cianuro ma, come con Cabrinovic, non lo uccise, ma lo fece vomitare mentre veniva portato via alla stazione di polizia. Uno dei presenti, un uomo di nome Ferdinand Behr, che non si era reso conto che Princip era l’assassino e aveva cercato di difenderlo, fu anche arrestato e portato alla stazione di polizia. Dopo che i colpi di arma da fuoco erano stati esplosi, entrambe le vittime rimasero inizialmente sedute, ma poi la Duchessa scivolò di lato, sulle ginocchia del marito. Francesco Ferdinando chiamò “Sopherl, Sopherl! Non morire Vivi per i nostri bambini! ‘. Il conte Harrach, ancora sul predellino, vide il sangue sgorgare dalla bocca dell’Arciduca, ma quando gli chiese della ferita, Francesco Ferdinando si limitò a ripetere “Non è nulla” sei o sette volte. Poi invece soffocò sul suo sangue in un lungo rantolo di morte. Mentre la macchina si allontanava da Franz Josef Street, il governatore Potiorek, vedendo la strada bloccata dalla folla, ordinò all’autista di prendere il ponte latino e dirigersi direttamente alla sua residenza di Konak, a poche centinaia di metri, per le cure mediche. Tuttavia, era troppo tardi. Sophie era morta all’arrivo e Francesco Ferdinando morì dieci minuti dopo. La morte fu confermata dal dottor Ferdinand Fischer alle 11.30 del mattino. La notizia dell’omicidio dei reali austriaci aizzò le fazioni pro-asburgo della popolazione di Sarajevo. Quel pomeriggio, ci furono manifestazioni anti-serbe nella città, perpetrate principalmente da cattolici croati e musulmani. Il giorno dopo si trasformarono in brutte rivolte, furono saccheggiati negozi di proprietà serba, aziende, alberghi e club, persino case di famiglia. Furono chiamate truppe di rinforzo, istituita la legge marziale e fu dichiarato il coprifuoco.

L’attentato di Sarajevo – 8                               < —————– >                            L’attentato di Sarajevo – 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *