Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…

L’attentato di Sarajevo – 13

Tempo Lettura: 2 min

IL DESTINO DEI COSPIRATORI

Princip, Cabrinovic e Grabez furono portati nella piccola fortezza di Theresienstadt in Boemia, 75 chilometri a nord di Praga. Gli altri furono portati nella prigione di Zenica, 70 chilometri a nord di Sarajevo. Quando la guerra dell’Austria contro la Serbia stava andando male e i serbi riconquistarono Belgrado nel dicembre del 1914, gli austriaci decisero di spostare quest’ultimo gruppo dalla Bosnia. Djukic, Stjepanovic e Kranjcevic andarono a Theresienstadt, altri nove a Möllersdorf, appena a sud di Vienna. Marko Perin andò da solo in un’altra prigione in Boemia, dove morì poco dopo. Ilic, Veljko Cubrilovic e Jovanovic, i loro appelli negati, vennero impiccati dal boia bosniaco Alois Seyfried nel cortile della caserma di Sarajevo il 3 febbraio 1915. La loro incarcerazione in celle di isolamento fredde, umide, spente assieme alla manutrizione sempre più compromisero la salute dei rimanenti 12 prigionieri , causando loro la morte. A Möllersdorf, Milovic e Nedjo Kerovic soccombono nell’aprile del 1916, e il vecchio Mitar Kerovic nel settembre di quell’anno. Dei prigionieri di Theresienstadt, Cabrinovic morì di tubercolosi il 27 gennaio 1916; Grabez di malattia il 21 agosto 1916, e Djukic cadde vittima di psicosi e morì in un reparto psichiatrico a Praga il 19 marzo 1917. Princip languì per un altro anno – uno scheletro vivente in catene – finalmente morendo dalla tubercolosi il 28 aprile, 1918. Tutti furono sepolti in tombe senza nomi. Cubrilovic, Popovic, Stjepanovic e Kranjcevic sopravvissero alla dura detenzione e tutti e quattro furono rilasciati nel novembre del 1918, alla fine della Grande Guerra, dopo aver scontato solo quattro anni della loro condanna. (Popovic visse fino all’età di 84 anni, scomparendo il 9 giugno 1980. Cubrilovic morì l’11 giugno 1990, all’età di 93 anni). Mehmedbasic, quello che non fu mai catturato, fu arrestato nel 1916 dalla polizia serba sospettata di essere coinvolto in un complotto per uccidere il principe serbo Regent, Alexander. Incriminato al processo di Salonicco nel 1917, fu condannato a 15 anni. Uscito di carcere nel 1919, tornò a Sarajevo per essere ucciso da un croato-fascista ustascia il 29 maggio 1943 durante la seconda guerra mondiale. I membri chiave della “Crna Ruka” che avevano messo i giovani assassini sulla loro fatale traccia ebbero destini diversi. Vojin Tankosic cadde in battaglia durante la Grande Guerra il 17 ottobre 1915. Il colonnello Apis fu arrestato e processato nello stesso processo di Salonicco come Mehmedbasic e condannato a morte, giustiziato il 26 giugno 1917. Milan Ciganovic resistette alla guerra negli Stati Uniti Stati e visse a Belgrado fino al 1927.

L’attentato di Sarajevo – 12                               < —————– > 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *