L’attentato di Sarajevo – 12

Tempo Lettura: 4 min

IL PROCESSO

Il 28 luglio – esattamente un mese dopo l’assassinio – l’Austria dichiarò guerra alla Serbia, l’inizio delle ostilità che si sarebbero propagate in scala globale. Il generale Potiorek, completamente occupato a guidare un esercito nel regno vicino, voleva ritardare il processo ai cospiratori fino a dopo la conclusione della campagna. Tuttavia, il conte Leopold Berchtold, il ministro degli esteri austriaco, sottolineò come il processo avrebbe potuto svelare bene i motivi che giustificavano l’attacco alla Serbia; inoltre, se aspettavano che la guerra fosse finita, il governo austriaco poteva facilmente essere accusato di applicare la giustizia del vincitore o vendicarsi per una sconfitta. Così venne deciso di andare avanti con il ​​procedimento in anticipo. L’udienza si aprì il 12 ottobre e si protrasse per 11 giorni, fino al 23 ottobre, con il verdetto e le sentenze annunciate il 28. Si tenne in un tribunale improvvisato all’interno delle caserme. Non c’era una sala aperta per familiari o interessati, solo pochi giornalisti e spettatori appositamente invitati. Il giudice presiedente era Luis von Curinaldi, che era assistito dai giudici Bogdan Naumowicz e Mayer Hoffman. In tutto c’erano 25 imputati: sei dei sette assassini: Princip, Cabrinovic, Grabez, Cubrilovic, Popovic e Ilic; dieci delle persone che avevano assistito al contrabbando delle armi: Veljko Cubrilovic, l’insegnante di scuola di Priboj; Misko Jovanovic, il proprietario del cinema di Tuzla; i contadini Mico Micic, Jakov Milovic, Obren Milosevic, Mitar Kerovic e i suoi figli Blagoje, Jovo e Nedjo, e Cvijan Stjepanovic; Lazar Djukic, l’uomo che aveva presentato Ilic a Cubrilovic; Ivan Kranjcevic, che aveva nascosto le armi di Cubrilovic; i quattro amici studenti di Cubrilovic che avevano conosciuto la trama: Branko Zagorac, Marko Perin, Nikola Forkapic e Dragan Kalember; e infine tre membri della famiglia in cui Kranjcevic aveva lasciato le armi di Cubrilovic: Ivan Momcinovic, Franjo Sadilo e sua moglie Angela Sadilo. L’unico a mancare era Mehmedbasic, l’assassino che se ne andò. Gli imputati erano tutti accusati di alto tradimento o concorso e favoreggiamento in alto tradimento. Nessuno venne accusato di omicidio. La ragione di ciò era che l’alto tradimento poteva essere punito con la morte, mentre l’omicidio non poteva. La legge austriaca non permetteva che la pena di morte venisse trasmessa a nessuno al di sotto dei 20 anni, quindi gli imputati più giovani sapevano in anticipo avrebbero scampato la morte. Agli imputati erano stati assegnati degli avvocati, ciascuno dei quali difendeva diversi accusati. Fatta eccezione per il Dr. Rudolf Cistler, che rappresentava i fratelli Cubrilovic e Kranjcevic e Kerovic e faceva uno sforzo sincero per difendere i suoi clienti, gli altri agivano più come procuratori statali che come consiglieri della difesa. Gli imputati furono chiamati uno per uno e interrogati dal giudice che presiedeva. A volte, per chiarire qualche punto oscuro della vicenda, due o più vennero riuniti per un interrogatorio comune. In generale gli assassini – in particolare Princip, Cabrinovic e Grabez – parlarono apertamente della loro ideologia e delle loro motivazioni. Misero in chiaro che si consideravano non criminali ma patrioti serbi, persino eroi della liberazione nazionale. Dichiararono di non odiare l’Austria, né la dinastia degli Asburgo, né Francesco Ferdinando come persona, ma che vedevano il suo assassinio come un mezzo per liberare il loro povero popolo serbo bosniaco e promuovere la causa slava. Princip espresse rammarico per aver ucciso la duchessa, affermando che la sua intenzione era stata quella di uccidere il governatore Potiorek, piuttosto che lei. Nel suo ultimo appello, Cabrinovic chiese persino perdono ai tre figli piccoli dell’ultimo erede. Erano comunque molto meno chiari quando si trattava del background organizzativo dell’assassinio. Durante tutto il processo i giudici hanno costantemente cercato di creare un collegamento con il governo serbo, alla ricerca di prove del fatto che fosse stato parte a pianificare l’omicidio. Sebbene sembrassero inconsapevoli dell’esistenza della “Crna Ruka”, erano altamente sospettosi riguardo al ruolo del Narodna Odbrana. Interrogati su questo, Princip e Cabrinovic hanno negato qualsiasi legame con quell’organizzazione o con circoli ufficiali serbi, insistendo sul fatto che avevano agito da soli. Sebbene ammettessero di conoscere Ciganovic e Tankosic, non menzionarono mai il colonnello Apis. Ilic, il principale organizzatore, fece infuriare i giudici perché evitava costantemente la chiarezza nei suoi disperati tentativi di salvarsi. In generale, gli assassini hanno fatto del loro meglio per proteggere le persone che li avevano aiutati con il contrabbando e nascondendo le armi – specialmente gli adulti tra loro (che hanno affrontato la pena di morte) – testimoniando che li avevano minacciati e costretti a partecipare. Il 28 ottobre, i giudici sentenziarono i verdetti finali. Princip, Cabrinovic e Grabez vennero condannati a 20 anni di prigione, Vaso Cubrilovic a 16 anni e Popovic a nove. Princip ricevette una pena limitata perché il registro civile di Grahovo diede erroneamente la sua data di nascita il 13 giugno 1894 (cosa che avrebbe fatto 20), e fu solo perché il suo avvocato, il dott. Max Feldbauer, fu in grado di dimostrare che era nato un mese dopo che è sfuggito all’impiccagione. Questa fortuna non si è abbattuta su cinque degli imputati più anziani: Ilic, Veljko Cubrilovic, Jovanovic, Milovic e Nedjo Kerovic che invece ricevettero la condanna a morte. (Milovic è stato in seguito commutato all’ergastolo e Kerovic a 20 anni.) Il vecchio Mitar Kerovic venne condannato all’ergastolo. Degli altri imputati, Djukic e Kranjcevic ricevettero dieci anni; Stjepanovic sette, Zagorac e Perin tre. Nove furono assolti: Micic, Milosevic, Jovo e Blagoje Kerovic, Forkapic, Kalember, Momcinovic e Franjo e Angela Sadilo. I giudici non credettero alle deposizioni degli imputati affermando che la Serbia ufficiale non era in alcun modo coinvolta nella trama. Il verdetto diceva: “La corte lo considera provato dalle prove che sia il Narodna Odbrana che i circoli militari nel Regno di Serbia incaricati del servizio di spionaggio, collaborarono all’attentato.”

L’attentato di Sarajevo – 11                               < —————– >                            L’attentato di Sarajevo – 13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *