Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…

L’attentato di Sarajevo – 6

Tempo Lettura: 10 min

L’ATTENTATO DI SARAJEVO – Il tragitto delle armi usate per l’assassinio

CONTRABBANDO DELLE ARMI IN BOSNIA (28 maggio-5 giugno 1914)

Il 28 maggio, Princip, Cabrinovic e Grabez lasciarono Belgrado nella prima tappa del loro viaggio per far entrare le armi in Bosnia e in seguito a Sarajevo. Djuro Sarac venne a vederli. Durante il loro lungo viaggio via terra, che sarebbe durato nove giorni e li avrebbe portati attraverso 300 chilometri di montagne e passaggi fangosi, avrebbero ricevuto l’aiuto di numerose persone, quasi sempre agenti di frontiera serbi con legami con la “Crna Ruka” o agenti clandestini del Narodna Odbrana. Quel giorno, con le quattro pistole e le munizioni in tasca e le sei bombe legate intorno alla vita, salirono a bordo di un battello a vapore, viaggiando lungo la Sava fino a Sabac, a 60 chilometri a ovest. Fin dall’inizio, ci furono problemi con Cabrinovic. Essendo un personaggio chiacchierone, faceva sapere a tutti cosa stava combinando e persino iniziò a parlare con un gendarme, cosa che allarmava e infastidiva gli altri due.

La cartina con le città che attraversarono Princic, Grabez e Cabrinovic nel loro percorso per portare le armi da Belgrado a Sarajevo
La cartina con le città che attraversarono Princic, Grabez e Cabrinovic nel loro percorso per portare le armi da Belgrado a Sarajevo

Arrivato a riva a Sabac, il trio trovò presto il loro primo contatto, un ufficiale di frontiera, il capitano Rade Popovic, che giocava a carte in un bar con gli amici. Dopo aver mostrato il loro pass e aver spiegato che erano studenti bosniaci in cerca di un luogo per attraversare il confine in segreto, li consigliò di prendere il treno per Loznica, a 50 chilometri a sud-ovest, dove avrebbero incontrato il suo collega, il capitano Joca Prvanovic . Scrisse loro una nota introduttiva e, su loro richiesta, fornì loro anche i passaporti ferroviari delle dogane, scritti con nomi falsi. Il mattino seguente, il 29 maggio, dopo aver viaggiato in treno fino a Loznica, trovarono Prvanovic nel suo ufficio e gli diedero il biglietto di Popovic. Disse loro che i suoi ufficiali, i sergenti con base su una serie di torri di avvistamento lungo la frontiera, sapevano dove far loro attraversare il confine senza essere scoperti. Cercò di telefonarli ma non riuscì a passare e così disse loro di tornare la mattina seguente. Avendo un giorno libero, andarono nella vicina città termale di Koviljaca, che come Loznica si trovava sulle rive del fiume Drina e costituiva il confine tra Serbia e Bosnia. Qui ognuno mandò alcune cartoline agli amici, Cabrinovic infastidì di nuovo Princip, scrivendo messaggi che sembravano suggerire i loro piani clandestini. Princip e Grabez decisero che Cabrinovic era troppo rischioso e gli dissero che era meglio separarsi. Si sarebbero impadroniti delle sue armi e avrebbero attraversato il confine in segreto. Cabrinovic avrebbe viaggiato da solo su una rotta diversa senza armi, e attraversata la Bosnia in un posto di frontiera regolare usando il passaporto di Grabez, si sarebbero incontrati a Tuzla, a 120 chilometri a nord di Sarajevo. Grabez aveva un amico a Tuzla, Stevo Botic, e accettarono di incontrarsi a casa sua. La mattina dopo, il 30 maggio, tornarono dal Capitano Prvanovic, che li presentò ai suoi tre ufficiali e chiese loro se potevano suggerire un passaggio sicuro per gli studenti bosniaci. Uno di loro, il sergente Budivoj Grbic, disse che conosceva un posto vicino alla sua casa di guardia nella frazione di Javoric, che si affacciava su una piccola isola della Drina, spesso usata dai contrabbandieri, e che conosceva anche un contadino che poteva guidarli oltre la frontiera. Salutando Cabrinovic in un caffè, Princip e Grabez – che ora trasportavano tutte le armi e le munizioni tra i due – viaggiarono verso Javoric sul cavallo e sul carretto del sergente Grbic. Dopo averli sistemati per la notte alla guardiola, andò a definire gli ultimi preparativi per il loro viaggio. Per fare pratica con le sue armi, Princip sparò ad un falco da un albero nei giardini della guardiola. Il mattino seguente, il 31 maggio, i due studenti e la loro guida si diressero verso la piccola isola di Isakovic. Sopra c’era una piccola capanna dove un contadino, Milan Cula, serviva cibo e bevande semplici. Conosciuto come capanna di Milan, era anche una via di mezzo per contrabbandieri e spie che attraversavano il confine. Qui Princip e Grabez rimasero per la notte mentre Grbic andava a cercare alcuni contadini che potessero aiutarli. Con il tempo a disposizione, i due “Giovani Bosniaci” continuarono ad esercitarsi al tiro al bersaglio, sparando dalle finestre della capanna di Milan. All’inizio del giorno successivo (1 giugno), Mico Micic, un giovane bracciante della vicina città bosniaca di Janja, entrò nella capanna e accettò di portare Princip e Grabez in Bosnia. Il sergente Grbic in realtà stava cercando un altro uomo, un contadino bosniaco di nome Jakov Milovic, che era anche un contrabbandiere e occasionalmente faceva da corriere per il Narodna Odbrana. Micic disse di conoscere Milovic, quindi Grbic gli chiese di andare a prenderlo, in modo che potessero guidare gli studenti oltre confine. Micic fu obbligato e tornò nel pomeriggio dicendo che Milovic stava arrivando. Mentre stavano aspettando, uno degli studenti prese di nuovo in mano una pistola e iniziò a sparare fuori dalla finestra.

Quella sera, i quattro uomini – Milovic, Micic, Princip e Grabez – partirono per la Bosnia. Attraversando alcuni piccoli rami della Drina e poi attraversando campi di grano bassi, raggiunsero la strada per Janja, dove Micic li lasciò. Gli altri proseguirono, tenendosi alla larga dalla strada e facendo escursioni tra campi e colline. Si fermarono a riposare a casa di Milovic e, quando la pioggia notturna si trasformò in tempesta, si ripararono in una stalla deserta per alcune ore. Milovic non era sicuro della rotta per Tuzla, che si trovava a circa 30 chilometri a ovest, e decise di cercare aiuto da un amico, Obren Milosevic, un contadino che viveva sulla strada. Quest’ultimo era fuori con i suoi buoi, ma sua moglie servì loro del caffè assieme a dei pasticcini d’avena. Ormai era il 2 giugno, il sesto giorno del loro viaggio. Quando Milosevic tornò a casa, all’inizio si rifiutò di mostrare loro il percorso, ma cambiò repentinamente idea quando i due giovani studenti gli fecero vedere i loro fucili e le bombe, sul copriletto del contadino, chiedendogli se avesse delle borse per portarli. La minaccia implicita era chiara, quindi Milosevic accettò di essere la loro guida. Princip e Grabez imballarono le armi in due bisacce, consegnando le bombe a Milosevic e fecero portare le pistole a Milovic. I due contadini erano ancora incerti sulla rotta per Tuzla e suggerirono di andare al villaggio di Priboj, a circa metà strada da Tuzla, per trovare Veljko Cubrilovic, l’insegnante locale lì. Cubrilovic, 28 anni, un rispettato gentiluomo nella comunità locale, era ben noto dal suo coinvolgimento con il movimento culturale serbo Sokol, di cui guidava la sezione locale. Era anche un agente del Narodna Odbrana. Anche Princip e Grabez avevano già familiarità con il suo nome, poiché il sergente Grbic lo aveva menzionato come utile contatto lungo il loro percorso. L’escursione di quattro ore a Priboj, attraverso sentieri forestali e tempeste notturne, si dimostrò estenuante. Princip e Grabez erano svegli e in movimento da 21 ore, con poco cibo, ed erano vicini all’esaurimento. Raggiunta la cima dell’ultima collina prima del villaggio, decisero di rimanere nascosti dietro un cespuglio con le armi mentre gli altri due andarono alla ricerca di Cubrilovic. Quella mattina, il 3 giugno, il giovane insegnante era a cavallo con il sacerdote serbo-ortodosso del villaggio, padre Jovo Jovanovic, anch’egli a cavallo. Incontrandoli sulla strada, uno dei contadini, Milosevic, si tolse il cappello in segno di saluto deferente e disse a Cubrilovic che c’erano due studenti bosniaci che volevano arrivare a Tuzla e poi a Sarajevo. Potrebbe aiutare? Congedandosi dal prete, Cubrilovic seguì i contadini e fu presto presentato ai due giovani che chiesero se potevano ottenere un carretto a Tuzla, a 35 chilometri di distanza. Cubrilovic non aveva un carro ma conosceva un contadino che lo faceva e disse loro che li avrebbe portati lì volentieri. Ringraziando le guide dei contadini per i loro servizi, diede loro alcune corone ciascuna e, consapevoli della necessità della segretezza, consigliò loro di tornare a casa attraverso percorsi separati. Prese le borse pesanti degli studenti e le mise nelle bisacce. Quando chiese a Princip cosa conteneva quest’ultimo, dopo qualche esitazione, ha risposto: “Bene, se vuoi saperlo, sono armi. Stiamo per compiere un assassinio dell’erede al trono e se lo sai, devi stare zitto. Se ci tradisci, tu e la tua famiglia sarete distrutti”. Il contadino che possedeva il cavallo e il carro viveva nel villaggio collinare di Tobut, sette chilometri a nord di Priboj.

A Priboj, ricevettero aiuto da Veljko Cubrilovic, insegnante di scuola e rappresentante della Narodna Odbrana.
A Priboj, ricevettero aiuto da Veljko Cubrilovic, insegnante di scuola e rappresentante della Narodna Odbrana.

Era Mitar Kerovic, 65 anni e capo di una famiglia con tre figli adulti, Blagoje, Jovo e Nedjo. Lasciando gli studenti ad aspettare dietro alcuni cespugli, Cubrilovic andò avanti. Disse a Kerovic dei giovani e gli chiese se potevano portare loro con il carretto a Tuzla. Il vecchio contadino era inizialmente riluttante, ma alla fine fu d’accordo. Ormai Princip e Grabez erano entrati in casa. Erano bagnati, sporchi di fango ed esausti. Le mogli dei Kerovic diedero loro del caffè e del cibo e poi si sdraiarono per dormire un po ‘. Quando si svegliarono, Blagoje, il figlio maggiore, era tornato dal lavoro nei campi, così come Cvijan Stjepanovic, un amico di famiglia. Fu allora deciso che Nedjo, il figlio più giovane, e Stjepanovic avrebbero portato gli studenti a Tuzla nel carretto. Quando Blagoje chiese cosa contenessero i due sacchetti, Princip esitò a mostrarlo, ma Cubrilovic lo incoraggiò con entusiasmo, per cui Princip tirò fuori una delle bombe, mostrando loro come innescarle e lanciarle. Gli studenti non volevano correre il rischio di portare le armi da soli, così fu convenuto che i loro compagni li avrebbero portati, nascosti nelle larghe fusciacche delle cinture. A Belgrado, a Princip era stato dato il nome di un contatto a Tuzla, Misko Jovanovic. Cubrilovic disse che lo conosceva bene, così dopo aver disegnato le indicazioni per casa sua, scrisse pure una nota di presentazione per gli studenti. Prima di partire per tornare a casa, confidò a Blagoje e Nedjo, dicendo loro che i due studenti stavano andando a Sarajevo per compiere un assassinio dell’Arciduca. Lodò la loro prontezza a sacrificare le loro vite per la causa serba e avvertì i fratelli contadini di tacere, altrimenti avrebbero messo a repentaglio la propria vita e quella di tutti gli altri. Grabez rassicurò vivamente Blagoje che non dovevano temere nulla; lui e Princip non avrebbero tradirebbero tradito il coinvolgimento della famiglia. Il carro partì dopo le nove di sera, i due contadini seduti davanti, con Stjepanovic alle redini, e Princip e Grabez distesi sulla schiena, che riposavano e dormivano sul fieno. Viaggiarono tutta la notte. Raggiungendo la città della guarnigione di Lopare, a sei chilometri da Tobut, gli studenti scesero dal carro e camminarono separatamente intorno al posto per evitare la caserma dei gendarmi, ricongiungendosi al carro sul lato opposto della città. Arrivati ​​alla periferia di Tuzla all’alba del 4 giugno, Princip e Grabez non si sentivano di entrare in città, così chiesero ai loro conducenti di contadini di portarli via accanto al fiume Jala in modo che potessero ripulirsi nel torrente. Dissero a Kerovic e Stjepanovic di andare avanti, consegnare le armi a Misko Jovanovic e chiedergli di incontrare i due studenti dopo le nove nella sala di lettura serba della città. I due contadini cavalcarono il carro in città, fecero il giro della casa di Jovanovic e suonarono alla porta. Misko Jovanovic, 36 anni, era un importante cittadino di Tuzla. Imprenditore prospero, proprietario del cinema locale, era anche un serbo patriottico e, come il suo buon amico Cubrilovic, era attivo nel Sokol e nel rappresentante locale del Narodna Odbrana. Viveva con sua moglie e il bambino appena nato in un appartamento sopra il cinema. Nonostante l’ora del primo mattino – erano le 7 del mattino – ricevette i due contadini, che gli consegnarono il biglietto di Cubrilovic. Diceva: “Caro Misko, tieni queste cose. Saluti, il tuo Veljko. “Quindi i contadini hanno consegnato le bombe e le pistole dalle loro cinture e hanno detto a Jovanovic che appartenevano ad alcuni studenti che stavano andando a Sarajevo e che vorrebbero incontrarlo alla sala di lettura serba dopo le nove. I contadini se ne andarono e Jovanovic, non sapendo bene cosa fare con le armi, li portò di sopra in soffitta e li nascose in una scatola. Alle nove andò alla sala di lettura al secondo piano dell’edificio del cinema, un piano sotto il suo appartamento. Nel frattempo, Princip e Grabez, dopo essersi riordinati come potevano, erano entrati in città. Quando i negozi aprirono alle 9 del mattino ciascuno acquistò un nuovo paio di pantaloni, poi andò a casa di Bozidar Tomic, un amico studente di Grabez, per cambiarli. Ora meglio presentabili, andarono alla sala di lettura serba. Stjepanovic li stava aspettando, li presentò a Jovanovic, poi se ne andò. I giovani dissero a Jovanovic che erano studenti di Belgrado, sulla via del ritorno a Sarajevo. Mentre viaggiavano senza passaporto e i controlli di sicurezza erano serrati, gli chiesero se poteva portare le armi a Sarajevo per loro, ma Jovanovic non era preparato a correre questo rischio. Poi gli chiesero se sarebbe stato disposto a tenere le armi per alcuni giorni finché non avessero potuto organizzare un amico per raccoglierle. A questo, ancora con riluttanza, Jovanovic fu d’accordo. Princip notò che il loro interlocutore era nervoso, quindi, non essendo sicuro di quanto si potesse contare, lo minacciò: “Non giocare con l’idea di tradirci, Signore, perché distruggerò te e tutta la tua famiglia.” Impaurito avrebbe portato le armi a Sarajevo, Princip e Grabez sono andati a trovare il loro complice, Nedjo Cabrinovic. Quest’ultimo aveva attraversato il confine nella città di Zvornik il 30, attraversando un normale posto di frontiera e utilizzando il passaporto di Grabez.

A Tuzla, il faccendiere Misko Jovanovic (altro rappresentante della Narodna Odbrana) si adoperò per nascondere le armi e farle recapitare a Danilo Ilic per portarle fino a Sarajevo.
A Tuzla, il faccendiere Misko Jovanovic (altro rappresentante della Narodna Odbrana) si adoperò per nascondere le armi e farle recapitare a Danilo Ilic per portarle fino a Sarajevo.

Il mattino seguente, il 1 giugno, prese una diligenza per Tuzla, e all’arrivo andò all’appuntamento concordato, la casa dell’amico di Grabez, Stevo Botic. Ormai stava aspettando lì da tre giorni. Quella stessa mattina il trio riunito prese il treno per Sarajevo. Durante il viaggio, Cabrinovic, di nuovo per l’irritazione e lo sgomento degli altri, si sedette con due poliziotti di Sarajevo e cominciò a chiacchierare con loro. Tuttavia, ricevette una inaspettata soffiata durante questa conversazione, uno dei poliziotti gli disse che la visita dell’erede a Sarajevo era prevista per il 28 giugno – la prima volta che i cospiratori hanno ascoltato la data effettiva. (La data stessa era un ulteriore incentivo per gli assassini, per il 28 giugno era Vidovdan (San Vito), l’anniversario della leggendaria battaglia di Kosovo Polje (Campo dei merli) nel 1389, l’ultima battaglia decisiva dei serbi contro l’impero turco ottomano: questo era il tema principale del folclore slavo e un giorno sacro nella storia serba e il fatto che l’oppressore avrebbe visitato Sarajevo proprio in quel giorno faceva infuriare i “Giovani Bosniaci”). Il lungo viaggio in treno continuò per tutta la notte, e finalmente arrivarono a Sarajevo all’inizio del 5 giugno – la fine dell’avventura di nove giorni. Ognuno andò per la propria strada, Princip nella casa della madre di Danilo Ilic al numero 3 di Oprkanj Street. Qui avrebbe alloggiato senza affitto e in silenzio per tre settimane, fino al giorno dell’assassinio. Cabrinovic andò a casa dei suoi genitori al numero 69 di via Franz Josef nel centro della città. Grabez invece con i suoi genitori a Pale, 19 chilometri a sud-est di Sarajevo.

L’attentato di Sarajevo – 5                               < —————– >                            L’attentato di Sarajevo – 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *