Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
Percorsi in bicicletta tra Collio, Carso ed Isonzo… sui luoghi della Grande Guerra nella provincia di Gorizia…
Giorgio Canali & Rossofuoco Live Concerto a Buia 2/2/2019

Giorgio Canali & Rossofuoco Live Concerto a Buia 2/2/2019

Tempo Lettura: 3 min

Giorgio Canali & Rossofuoco Live Concerto a Buia 2/2/2019. In questo Friuli paralitico, farcito di fabbriche di plastica, di maiali insaccati da vivi e di gente che sempre mastica, è sbarcato sabato il “buon” (per modo di dire) Giorgio Canali assieme ai Rossofuoco. Stewie Dal Col alla chitarra, Marco Greco al basso e Luca Martelli alla batteria. Ci voleva l’arca, per solcare il diluvio d’acqua che, imperterrito, ha azzuppato le campagne del Friuli fino a Buia, dove i nostri hanno fatto tappa. Pioggia fuori quindi, copiosa e imperterrita e pioggia, tanta dentro, dentro un bel pò, delle canzoni che i nostri hanno pensato di inserire in scaletta.

L’ultimo disco

Gran bel disco, il loro ultimo lavoro “Undici canzoni di merda con la pioggia dentro” che intervallate ai successi di una discografia ormai imponente, hanno reso il concerto molto ben assortito. Il Friuli parallelo, ha risposto alla grande, l’auditorium della Biblioteca 6 maggio 1976 di Buja, completamente gremito. Che testi davvero ispirati negli ultimi pezzi.

Adoro Emilia Parallela quel ritmo che non smette mai, come non smette mai di parlare quella gente, Un’invasione di locuste che divorano ogni cosa, anche le briciole rimaste.
gente felice ed abituata ad ingurgitare merda a denominazione controllata, non si fermano mai , è una girandola molesta, un vorticare, è un alveare nella testa è un cataclisma un gran macello lo scontro nel cervello, un uragano di bestemmie, è una tempesta, un temporale, tuoni fulmini saette e vaffanculo alle cicale
.

Caro Giorgio, questi sette anni di attesa per la nuova creatura, ti han fatto proprio bene, penso ad “Undici“… Ok, dell’ultima bomba esplosa ti è rimasta addosso solo qualche scheggia, in tasca un sorriso della persona amata, da tenere per un giorno di pioggia, pioggia sempre pioggia…. Per difendersi da quegli idioti che hanno paura dei microbi e non tirano mai lo sciacquone, perchè non si tocca dove toccano tutti, ma poi vanno a tutti a puttane. Gente che passa la vita a dire SISSIGNORE, ad obbedire e procrea solamente per avere qualcuno da comandare… Gente con la connessione rigorosamente a 4G e un’ignoranza da Medioevo che, ad una domanda dell’ennesimo quiz, risponde magari che John Lennon è stato fatto saltare in aria dalle Brigate Rosse a Sarajevo.


E, logicamente inascoltato, soffrirò del mio male minore, in Messaggi a nessuno, che invece il resto del mondo sta male davvero e quasi mai per amore… Non resta altro che inseguire le nuvole che corrono incontro al loro destino, leggero come la pioggia di marzo, sperando di caderti vicino… poi riderò di me perché ho finito le lacrime, come sempre farò del mio peggio perché è quello che ti aspetti da me… Poi seguire le lucciole come fossero stelle, perdersi dentro una nebbia di paglie che bruciano, come te, sotto la pelle. Cristo che testo, ma come fa Canali a trovare queste parole mai banali?


Lezioni di Poesia – Giorgio Canali & Rossofuoco

Ma di nuovo Piove, finalmente piove sulle mie scarpe nuove, finalmente viene giù il cielo, finalmente l’acqua tutto inghiottirà, come uno sciacquone del water… viene giù sui centri di accoglienza, sulla bassa finanza, viene giù ma è persa ogni speranza di una vita in vacanza, turisti mai più… E sopra tutta la gente in cerca di luce che vuole una guida sulla strada buia, ma è solo affamata di slogan, fino alla noia, di cambiamento. Ma cosa crede di cambiare se poi continua a spingere dove c’è scritto tirare?


Non resta altro che optare per Fuochi Supplementari. Si dai… Accendere un fuoco per ogni cane picchiato, per ogni gatto asfaltato, per ogni grana che hai piantato, per ogni accendino smarrito, per ogni calzino bucato… Per poi realizzare, guardandosi attorno, c’è qualcosa che non sia incendiato? Ecco vedi c’è finalmente il sole e piove sui miei pensieri, forse un mondo migliore c’è, ma di sicuro è da qualche altra parte, VIVERE FELICI E’ FACILE, BASTA NON ESSERE ME.


Scaletta del Concerto

  1. Aria fredda del nord
  2. Piove, finalmente piove
  3. Morire di noja
  4. Verità, la Verità
  5. Estaate
  6. Falso Bolero
  7. Undici
  8. Emilia Parallela
  9. Come quando fuori piove
  10. Messaggi a nessuno
  11. Fuochi supplementari
  12. Ci sarà
  13. Danza della pioggia e del fuoco
  14. Mille non più di mille
  15. Mandate Bostik
  16. Lezioni di Poesia
  17. AleAlè
  18. Carmagnola#3
  19. Nuvole senza Messico
  20. Precipito
  21. Radioattività
  22. Nostra Signora della Dinamite
  23. 100.000

Insomma gran bel concerto… Sto “allegro” sessantenne con una carica che tutti questi giovani rapper si sognano, ha fatto ballare due ore filate, un bel pò di gente… Rock a manetta, troppo figo veramente… Ho comprato il CD e me lo sto ascoltando mattina e sera.. Spero che tanti abbiano seguito il suo invito “Por.o d.o fateci campare!!!“… Spero vivamente che tra il pubblico non ci sia stato il solito bigotto carabiniere, infiltrato di Azzano X, altrimenti apriamo una colletta, vero Giorgio ? Comunque grazie agli organizzatori del Circolo Culturale Henry Chinaski.


Un consiglio a Simone Piva… Mai chiedere BIS a Giorgio Canali, che la prossima volta ti strizza veramente le palle… E’ da una vita che lui evita la farsa dei bis… Quando dice BUONA NOTTE è buona notte, PUNTO!!!! E per finire un pensiero di ringraziamento al fratellone, che mi ha portato al concerto ed è stato immortalato suo malgrado.. il capoccione, nella foto sopra, vicino al libro Sturm Truppen è il suo 🙂

SONO SOCIOPATICO – GIORGIO CANALI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *